Diabetici Famosi

franco donatoniFranco Donatoni, compositore italiano, nacque a Verona il 9 giugno 1927. Alla giovane età di 7 anni iniziò lo studio del violino e, poi, di composizione. Fu allievo di Ildebrando Pizzetti, frequentò Bruno Maderna e seguì corsi estivi di composizione a Darmstadt. Insegnò in molti conservatori italiani. Come compositore esordì con “For Grilly” (1960 - ascolta il primo minuto) e “Puppenspiel I” (1961). Negli anni 60, ispirato dalla musica di John Cage, maturò una poetica basata sull’abbandono della composizione come attività volta a dare una forma al materiale musicale e sul ridimensionamento della figura del compositore. Fece uso di tecniche indeterministiche in “Per orchestra” (1962) e aleatorie in “Black and White” (1964). Successivamente, applicò metodi di scrittura e riscrittura automatica di altre opere in “Souvenir” e “Etwas Ruhiger” (1967): in questi lavori, riscrisse e trasformò frammenti di Stockhausen e Schönberg. Negli ultimi vent’anni Donatoni iniziò a contaminare le sue sperimentazioni con forme e principi della tradizione, “Diario 76” e “Ash” (1976). Tra le opere vocali vi sono “L’ultima sera” e “Abyss” (1981 e 1983). Di salute piuttosto malferma, gli ultimi anni della sua vita furono minati dal diabete, malattia di cui soffrì sin dai primi anni ottanta. Morì di ictus il 17 agosto 2000.

Share on Myspace