Gli indici dei libri di Isola d'Istria
busta
La Slovenia dichiarò unilateralmente l'indipendenza dalla Repubblica Federale di Jugoslavia il 25 giugno 1991 assieme alla Croazia. Nei giorni successivi sembrò che Belgrado potesse ripristinare senza problemi l'ordine delle cose e spazzare via quella rivoluzionaria iniziativa delle sue due repubbliche. Poi invece il conflitto con le confinanti Bosnia e Croazia assorbì tutte le energie serbe, e così facendo la Croazia divenne una sorta di cuscinetto di protezione tra la Serbia e la Slovenia. Grazie a questo "trucchetto" geopolitico la guerra civile jugoslava non toccò mai, o soltanto marginalmente, Lubiana e la sua nuova repubblica.
Improvvisamente la neonata repubblica aveva bisogno di una storia tutta "sua", così tra le iniziative per scriverla, decise di redigere un indice di tutti i documenti e di tutti gli atti storici presenti sul territorio e che raccontassero il passato di quelle terre che erano appartenute per la maggior parte fino 1918 all'Impero austro-ungarico e parzialmente al Regno d'Italia fino al 1945. Proprio grazie all'imprinting culturale austroungarico il lavoro di catalogazione e di archiviazione fatto dagli sloveni è stato eccellente. In curia a Capodistria, ma anche all'Archivio di Stato a Lubiana, ogni libro, ogni fascicolo, ogni foglio "volante" ha la sua scatola e ogni scatola ha il suo scaffale. Meno curata è la conservazione degli atti a livello parrocchiale, ma questo temo non dipenda da Lubiana.
Ecco gli indici per Isola d'Istria.