Diabetici Famosi

matteo salvatoreMatteo Salvatore è stato un grande della musica popolare. Italo Calvino disse di lui “è l’unica fonte di cultura popolare, in Italia e nel mondo, nel suo genere”. Nato ad Apricena (Foggia) il 16 giugno 1925, fin dagli anni ‘50 cantò amore e miseria, ballate allegre e comiche, arricchite da aneddoti divertenti che raccontò con singolare linguaggio e gestualità. Nel 1993 scrisse il romanzo “Il paese della nave felice”, una metafora del sud e forse dell’intera cultura mediterranea, e nel 2001 lavorò ai racconti autobiografici raccolti da Angelo Cavallo “Matteo Salvatore - La luna aggira il mondo e voi dormite” a cui allegò il CD “Ogni giorno una storia”. Irriducibile, anzi imprendibile, si difese per tutta la vita da un mondo che non riuscì a capire rimanendo quello di sempre: solo, disperato, intrattabile. Soffriva di diabete e di asma, ed era costretto sulla sedia a rotelle da qualche anno. Disse ancora Italo Calvino di lui “le parole di Matteo Salvatore noi le dobbiamo ancora inventare”. È morto a Foggia il 27 agosto 2005.

Il bando del podestà

Popolo de lu paiese, sentite, sentite, sen-ti-te!
Per ordine di sua eccellenza lu podestà,
è proibito a uomini, vecchi e uagliuli,
a ì piscià e ì ‘mpuzzuni’ n’baccia li mure,
chè hanno fatto lu ricorso a lu delejeto
e lu delejeto l’ha ditto a lu vice podestà
all’assessore delle guardie,
l’assessore delle guardie l’ha ditto
a lu chepo uardia,
lu chepo uardia l’ha ditto all’appunteto,
l’appunteto l’ha ditto a lu scupatore, e
lu scupatore l’ha ditto a me,
e io ve lu dice a vuje,
se no passa la gentarmeria,
ve taglia la chepa e ve fa muri!

Share on Myspace